RIFORMA FORZE DI POLIZIA

Con legge 7 agosto 2015, n. 124 (recante Deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche) il Governo è stato delegato, in particolare, ad apportare “modificazioni agli ordinamenti del personale delle Forze di polizia di cui all’articolo 16 della legge 1º aprile 1981, n. 121, in aderenza al nuovo assetto funzionale e organizzativo, anche attraverso (…) la revisione della disciplina in materia di reclutamento, di stato giuridico e di progressione in carriera, tenendo conto del merito e delle professionalita’, nell’ottica della semplificazione delle relative procedure, prevedendo l’eventuale unificazione, soppressione ovvero istituzione di ruoli, gradi e qualifiche e la rideterminazione delle relative dotazioni organiche, comprese quelle complessive di ciascuna Forza di polizia, in ragione delle esigenze di funzionalita’ e della consistenza effettiva alla data di entrata in vigore della presente legge, ferme restando le facolta’ assunzionali previste alla medesima data, nonche’ assicurando il mantenimento della sostanziale equiordinazione del personale delle Forze di polizia e dei connessi trattamenti economici, anche in relazione alle occorrenti disposizioni transitorie, fermi restando le peculiarita’ ordinamentali e funzionali del personale di ciascuna Forza di polizia, nonche’ i contenuti e i principi di cui all’articolo 19 della legge 4 novembre 2010, n. 183, e tenuto conto dei criteri di delega della presente legge, in quanto compatibili”.

La delega è stata esercitata dal Governo con l’emanazione del D.Lgs. 29/05/2017 (Gazzetta Ufficiale) recante Disposizioni in materia di revisione dei ruoli delle Forze di polizia ai sensi dell’art. 8, comma 1, lettera a), della legge n. 124 del 2015, in materia di riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche”.

Con la riforma sono state apportate molteplici modifiche agli ordinamenti del personale delle Forze di polizia di cui all’articolo 16 della legge 121/1981 (Polizia di Stato, Arma dei carabinieri, Corpo della guardia di finanza, Polizia penitenziaria), in aderenza al nuovo assetto funzionale ed organizzativo.

In base all’articolo 8, comma 6, della legge-delega, entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore del decreto legislativo attuativo della delega, il Governo può adottare, nel rispetto dei principi e criteri direttivi e della procedura di cui all’articolo medesimo, uno o più decreti legislativi recanti disposizioni integrative e correttive.

OsservaLEX si propone come piattaforma per lo studio di soluzioni normative da proporre al Governo ai fini del cd. decreto correttivo.

Puoi fornire il tuo contributo attraverso il modulo sottostante.